Gen 182014
 

Hotline-Miami-Vita

Adrenalina, violenza e sangue sono le parole chiave di Hotline Miami.
Un gioco ambientato nei mitici anni ’80 con una grafica davvero di allora, ma bisogna anche dire che è davvero piena di stile. Da segnalare la colonna sonora e davvero azzeccata l’atmosfera generale del gioco.
La giocabilità di Hotline Miami non è semplicissima con tastiera e mouse, ma una volta presa la mano ci si fa l’abitudine. Hotline Miami è così coinvolgente che gli si perdona anche quel piccolo lag che si avverte in certe situazioni.

La storia non è proprio banale e ha dei risvolti davvero imprevisti. Notevole il modo con cui è raccontata, se non altro per lo stile molto particolare.

Sicuramente un gioco Indie degno di nota. Se riuscite a passare sopra alla parte grafica, Hotline Miami è un titolo da avere nella propria collezione.

Sito Ufficiale del gioco: Hotline Miami

Dic 312013
 

The Stanley Parable

Questo è un gioco che vale la pena di giocare anche se i videogiochi non vi piacciono. Non lo dico tanto per dire: ho costretto anche mia moglie a giocarlo e si è divertita!
The Stanley Parable è una bella storia e il mio problema è come raccontarvi che è un titolo da avere senza dirvi nulla sulla trama. Infatti vi lascerò senza nessun accenno alla trama, ci sono già spoiler in giro che basta…
Qualcuno lo definirebbe un esperimento, ma penso sia una perla tanto rara che prorpio non potete farvi scappare. Non si può rimanere impassibili alla voce del narratore. Godetevi il gioco perchè l’idea è davvero notevole.
Non con un film, non con un libro ma solo con un videogioco si può raccontare la storia di The Stanley Parable.

Se volete ancora essere definiti Videogiocatori dovete passare per The Stanley Parable!
Basta… non dico altro… fidatevi!

Sito Ufficiale del gioco: The Stanley Parable

Dic 182013
 

TIME-frame

TIMEframe è un indie game che è degno di nota. L’ho giocato un paio di volte e ogni volta ho scoperto qualcosa di nuovo.
Il sottotitolo recita: 10 seconds in the span of 10 minutes, in pratica 10 secondi rallentati che durano circa 10 minuti. Il tempo è la chiave, non cercate nel vostro inventario armi o modi con cui interagire con il mondo. Gustatevi solamente il paesaggio, almeno finché potrete. Quando capirete che qualcosa non va in quello strano posto avrete raggiunto vostro malgrado la fine (non vi dico come o a causa di chi).

La grafica non è così ricca ma è davvero ispirata ed alcuni tocchi di classe completano TIMEframe in maniera superba. Resterete ad ammirare scorci e passaggi, facendovi abbagliare dalla luce e cercando luoghi che non avete ancora visitato. Il gioco è accompagnato da una splendida colonna sonora che lo eleva e lo rende davvero una poesia.

Se avete tempo limitato da dedicare ai giochi questo titolo fa per voi. Sicuramente lo lascerò installato sul pc per farci ancora qualche giro.

TIMEframe è disponibile gratuitamente per Windows, Mac, Linux, Browser e potrete provarlo con Oculus Rift.
Credetemi, vale la pena provarlo…

Sito Ufficiale del gioco: TIMEframe

Dic 052013
 

Godus

Peter Molyneux rappresenta ciò che è più vicino ad una rockstar nel mondo dei videogiochi. Magari non come stile di vita ma come importanza e carriera. Populous, Power Monger e Black & White sono alcuni dei suoi titoli che ho giocato. Insomma un nome una garanzia.

Come altri giochi già pubblicati da Molyneux, Godus ci mette nelle divine vesti di un Dio che farà di tutto per far sopravvivere la propria gente. Come in Popolous dovremmo pianare il terreno al fine di creare il luogo ideale dove la popolazione potrà insediarsi. La nostra interazione non si ferma qui, dovremmo recuperare l’energia divina per scatenare la nostra potenza sul nemico, mentre faremo prosperare il nostro popolo.
Il gioco è solo in fase Beta, ma promette davvero tanto. Compresi scontri on-line contro altre divinità, fino ad una specie di armageddon contro il Dio supremo?!?

La grafica di Godus è semplicistica, davvero lontana dai fronzoli di Black & White. Risulta molto intuitiva e davvero ispirata la realizzazione di tutto quello che si vede sullo schermo. Ritengo che la semplificazione grafica sia colpa dei tempi e necessaria se si vuole che il gioco sia davvero trasversale come questo, funzionerà ovunque: da PC a Mac, passando per Linux, da Android a iOS… non avete scuse per non giocarlo!

Come avete capito adoro i giochi di Peter Molyneux e l’ho preso sulla fiducia. Devo segnalare che nonostante sia pronto al 40% vale la pena di farci un giro.
Peccato che come al solito la parte on-line non potrò giocarlo a causa della cronica Italica mancanza di connessione nella mia zona.
Attenzione però che Godus non è ancora in Italiano e il ritmo di gioco non è da FPS, se vi piace il genere però non vi staccherete più, il classico gioco di “ancora cinque minuti”!!!

Sito Ufficiale del gioco: Godus

Nov 212013
 

State of Decay

Se amate gli zombie e non vedete l’ora che esce la nuova serie di “The Walking Dead” questo gioco fa sicuramente per voi.
Bellissima l’atmosfera e la tensione che il gioco vi fa respirare ad ogni missione.
Dovrete trovare il cibo e le armi, creare un rifugio sicuro e prendervi cura della vostra gente.
Il gioco è in style GTA per intenderci, cioè siete liberi di fare quello che vi pare. Altrimenti potrete seguire la trama e buttarvi in ogni nuovo incarico che vi viene assegnato.
Vi rattristirete quando perderete, sicuramente succederà, uno dei vostri personaggi che avete fatto “crescere” con tanta dedizione e passione. Nel gioco impersonerete sia uomini che donne a vostra discrezione, con tutti gli stereotipi nati nei vari film e serie TV (il ranger, il killer che nella vita di prima non sapeva sparare, il poliziotto, la donna nera con la spada ed ecc.).

L’ho preso appena uscito in versione PC, devo dire che ne vale assolutamente la pena.
Occhio però che non è assolutamente facile ed ad ogni angolo potrebbe trovare la fine il vostro personaggio!

Sito Ufficiale del gioco: State of Decay