Nov 272014
 

Alta Tensione - Fabrik Manager

Con Alta Tensione Friedemann Friese ci ha insegnato come si svolge la competizione tra i produttori di energia, ora ci mostra l’altro lato della medaglia: i consumatori di energia.
Con Fabrik Manager diventerete degli imprenditori che lottano per far crescere la propria Fabbrica. Ci dobbiamo confrontare con la concorrenza per comprare i migliori macchinari sul mercato e per diventare il più ricco giocatore alla fine della partita.
Il gioco si sviluppa in soli 5 turni. State concentrati perché altrimenti i vostri avversari vi lasceranno indietro!

Una grande scatola raccoglie tutti gli ottimi materiali di gioco. La scatola è standard per la serie Alta Tensione, ma non per il resto della vostra collezione. Davvero molto azzeccata la grafica che ne è il marchio di fabbrica. Tutto funzionale allo scopo.

Alta Tensione – Fabrik Manager ha un regolamento tutto sommato semplice e scorrevole. 5 turni sarebbero veloci da fare se non fosse che ogni mossa è fondamentale. Per questo spesso vi troverete a riflettere e calcolare fin troppo scrupolosamente la prossima mossa. Davvero un gioco “brucia cervelli” come va di moda dire adesso, vi costringe a pensare e calcolare tantissimo per far crescere in modo coordinato le vostre rendite.

La fortuna non è per nulla determinante. Gli altri giocatori al tavolo possono cambiare la vostra partita in alcuni casi senza che possiate fare nulla per rimediare. Ma al turno successivo potrete voi mettere i bastoni fra le ruote agli avversari. Il gioco richiede molta riflessione e logica.

Consiglio Alta Tensione – Fabrik Manager come un gioco per appassionati. Non provate ad usarlo con gente alla prima esperienza. Regala parecchie soddisfazioni e personalmente mi piace molto. Un difetto che potremmo segnalare è che non ha una grande longevità, non lo rigiocherete spesso con le stesse persone al tavolo.
Comunque un gioco consigliatissimo!

Alta Tensione - Fabrik Manager

Nov 092014
 

Il padrone di casa -  Friese's Landlord

Il padrone di casa (Friese’s Landlord) è tornato, così recita il titolo del gioco. Infatti questo è il primo gioco di Friedemann (1992). I giocatori vestiranno i panni del padrone di casa: dovranno affittare appartamenti per diventare i più ricchi al tavolo. In questa nuova versione potrete far esplodere edifici, uccidere inquilini, causare vari problemi agli altri giocatori e cercare di essere un Padrone di Casa davvero senza scrupoli.

Un gioco di carte semplice e rapido, un così detto filler (adatto a riempire un fine serata di giochi) che può far sedere al tavolo fino a 6 persone. Un gioco semplice da giocare ma davvero enorme da padroneggiare tanto che dopo avere pescato le carte, in attesa del vostro turno, dovrete ricorrere spesso al manualino per capire bene come giocare quella carta. L’interazione può diventare molto importante al tavolo visto che molte carte possono ostacolare il vostro avversario, le “bastardate” sono all’ordine del turno!

I materiali sono ottimi: 120 carte (la misura non è standard), belle e solide le monete, un regolamento completamente aggiornato e il tutto inserito in una scatolina davvero compatta e piacevole.

La fortuna è in parte determinanta dalla pesca delle carte, la varietà però consente tante diverse strategie. Quindi direi che la fortuna può essere contrastata con una buona elasticità di gioco.

Il padrone di casa (Friese’s Landlord) è davvero un bel gioco, non lo definerei assolutamente un filler ma un gioco vero e proprio. Un acquisto consigliato.

Set 012014
 

Venerdì -  Friday

Venerdì (Friday) è un gioco di Friedemann Friese liberamente ispirato al romanzo “Robinson Crusoe” di Daniel Defoe.
Nei panni di Venerdì devi fare in modo che Robinson impari e migliori le sue capacità di sopravvivenza sull’isola. Se alla fine del gioco Robinson avrà sconfitto anche i due pirati, allora potrà finalmente salpare e sparire per sempre all’orizzonte. Permettendoti di tornare, finalmente, alla tua pacifica e solitaria esistenza da te tanto amata.

Venerdì è un’avventura in solitaria. In pratica è un gioco di carte che utilizza il sistema di deck building per migliorare il proprio mazzo. Le carte sono ben fatte anche se non hanno un formato standard, ottime le 3 plance di gioco ed originali i segnalini punti vita. Tutto risulta ben realizzato con una piccola scatolina molto ordinata.

La meccanica una volta compresa è semplice e il gioco scorre davvero veloce. Anche se sembra “solo” un solitario la sfida e le scelte che ci mette di fronte sono tutte di notevole spessore. Se all’inizio della partita sconfiggere i due pirati finali da 35 punti sembra impossibile alla fine ci si riesce grazie anche all’utilizzo dei poteri speciali.

Il fattore fortuna è presente, perchè si andrà a pescare le carte dal proprio mazzo ma in un certo senso se ne conosce il contenuto. Per cui si riesce tramite le decisioni che prenderete (come quella di perdere appositamente alcune sfide) di rendere controllabile l’Alea.

Per chi come me ha rare occasioni di trovare qualcuno per fare una partita in compagnia è un gioco da avere assolutamente. L’ambientazione è davvero solo un pretesto ma il gioco funziona bene ed è assolutamente godibile.
Venerdì (Friday) è un acquisto caldamente consigliato!

Venerdì -  Friday

L’idilliaca situazione iniziale.

Venerdì -  Friday

Il tavolo di gioco dopo aver battuto entrambi i pirati.