Apr 212015
 

Coloretto

Coloretto è un simpatico gioco di carte, molto divertente e adatto a tutti. Una partita si svolge in quattro manche a loro volta divise in vari round. Alla fine di ogni manche i giocatori ricevono dei punti a seconda delle carte che hanno raccolto e vince chi totalizza il punteggio complessivo migliore.

Lo svolgimento del gioco è molto semplice: all’inizio di ogni manche i giocatori ricevono una carta colorata come dotazione iniziale. Il resto del mazzo viene mescolato e posto al centro del tavolo. Al proprio turno i giocatori hanno due possibilità. La prima è pescare la carta in cima al mazzo e con essa iniziare una nuova fila di carte sul tavolo oppure aggiungerla ad una fila già esistente. La seconda opzione prevede di non pescare, ma di raccogliere tutte le carte di una fila e metterle visibili davanti a sé, divise per colore. Vi sono ovviamente un paio di restrizioni: si possono formare tante file quanti sono i giocatori che partecipano (da tre a cinque quindi), ogni fila può avere al massimo tre carte e qualora un giocatore decidesse di raccogliere una fila egli esce momentaneamente dal gioco fino a quando tutti gli altri hanno a loro volta preso una fila. A questo punto si inizia un nuovo round di gioco. Quando viene pescata la carta “ultimo round” (che va messa nel mazzo al 16° posto a partire dal basso), si completa il round in corso e si procede alla conta dei punti.

Ogni giocatore sceglie i tre colori che gli daranno punti positivi. Tutti gli altri, invece, saranno punti negativi. Ogni colore dà o toglie punti a seconda di quante carte il giocatore possiede: una carta vale 1 punto, due valgono 3, tre carte 6 punti e così via. Eventuali jolly posseduti possono essere considerati come di un colore a scelta e ogni carta “+2” vale 2 punti positivi. Si segnano i punteggi su un foglio di carta e si procede ad una nuova manche fino a giocarne quattro.

Coloretto si presenta in una piccola scatolina, le carte sono di buona qualità e la grafica è carina.

Il fattore fortuna è presente nella pesca delle carte, ma qualcosa si riesce a mitigare e grazie ad alcune scelte si può cambiare l’esito di una partita.

Coloretto l’ho aggiunto alla mia collezione dopo Zooloretto ed in pratica la meccanica di base è la stessa anche se i due giochi sono davvero diversi.
Lo consiglio come filler o come gioco introduttivo, ad un costo davvero contenuto!

Sorry, the comment form is closed at this time.