Ago 112016
 

Ghostbusters The Board Game BOX

Sicuramente molti di voi si ricorderanno il gioco da tavola Ghostbusters: The Board Game lanciato Kickstarter, piattaforma crowdfunding che ha raccolto $1,546,269 grazie a 8,396 sostenitori che ne hanno permesso la realizzazione.
Grazie alla Cosmic Games, da oltre 20 anni una delle note case di importazione e distribuzione di merchandise e prodotti esclusivi da collezionismo legati al mondo dell’intrattenimento, è stata realizzato Ghostbusters: The Board Game in ITALIANO!

Ghostbusters e’ un gioco ad episodi cooperativo per 1 a 4 giocatori.
Interpreta uno degli acchiappafantasmi originali: Peter Venkman, Egon Spengler, Winston Zeddemore e Ray Stantz.
Scegli uno degli scenari oppure l’intera campagna di gioco e sconfiggi le forze del male!

CONTENUTO: 48 miniature (4 Ghostbuster, 3 Boss, 20 Ghoul Galoppanti, 12 Duo Spavento, 8 Entita’ Boogaloo e 1 Ecto-1) 10 Piastre a doppia faccia per il tabellone di gioco, un misuratore PKE, 1 D8, 4 D6, 1D6 speciale, 4 Carte Ghostbuster, 6 Carte Fantasma, segnalini e Regolamento.

Come vedrete la versione nostrana contiene tutto il materiale della scatola in Inglese con in aggiunta il materiale in Italiano.

Ecco quindi le foto del Unboxing di Ghostbusters: The Board Game in ITALIANO!

Ghostbusters: The Board Game in ITALIANO

Ghostbusters: The Board Game in ITALIANO

Ghostbusters: The Board Game in ITALIANO

Ghostbusters: The Board Game in ITALIANO

Ghostbusters: The Board Game in ITALIANO

Ghostbusters: The Board Game in ITALIANO

Ghostbusters: The Board Game in ITALIANO

Ghostbusters The Board Game

Lug 132016
 

Dead of Winter: A Crossroads Game

Riporto l’introduzione:
Partecipa ad un’epica lotta per il potere e la sopravvivenza!
Esiste una sola forma di intrattenimento in cui è possibile simulare l’esperienza che offre Dead of Winter: i giochi da tavolo. In questo gioco la storia è alla base di tutto: sei il superstite di una spaventosa apocalisse zombi e devi sopravvivere ad un terribile inverno in un mondo devastato. Ogni superstite deve obbedire ai propri imperativi psicologici, ma deve anche trovare il modo di collaborare con gli altri per respingere le minacce provenienti dall’esterno, risolvere crisi, trovare cibo e provviste e mantenere alto il morale della colonia.

I giocatori di Dead of Winter devono prendere frequentemente decisioni difficili, fortemente influenzate dagli aspetti narrativi del gioco ed estremamente diversificate, trovandosi spesso obbligati a scegliere tra ciò che è meglio per la colonia e ciò che è meglio per loro.

Sicuramente se vi è piaciuta la serie TV “The Walking Dead”, Dead of Winter: A Crossroads Game è il gioco da tavolo che più gli si avvicina. Come nella serie TV gli Zombi uccidono, spesso però sono solo il contorno di: azioni, tradimenti e colpi di scena molto più cruenti. Il gioco vi vuole portare lì e non ancora contento vi pone contro anche il freddo che vi può davvero uccidere.

I materiali sono davvero buoni e il colpo d’occhio del gioco preparato è davvero magnifico!
Se mi posso permettere le carte però sono leggere e vanno imbustate, le plance delle locazioni esterne e dei giocatori sono un po’ leggere. Fantastica per il resto la quantità di materiali, sembra di avere già la sua espansione.

Dead of Winter: A Crossroads Game è semplice da giocare, le azioni possibili sono molte ma tutte riportate nella plancetta giocatore. Infine la parte della colonia si svolge velocemente utilizzando la stessa plancetta.
Il gioco va vissuto come una storia e in quest’ottica è davvero piacevole.
Il downtime (il tempo che si aspetta tra un turno e l’altro) può essere lungo ma se tutti al tavolo si impegnano a svolgerlo in un certo tempo vedrete che tutto fila molto più velocemente.

La fortuna è presente al tavolo nel lancio dei dadi, specie nel dado esposizione che può mettere fuori gioco un vostro personaggio in un colpo solo. Ma a ben guardare tutto il gioco è pervaso dalla dea bendata, dalle carte Crossroad a tutti gli oggetti che troverete.

Dead of Winter: A Crossroads Game è un bel collaborativo, l’aggiunta del traditore è quasi obbligata perchè aggiunge al gioco un po’ di pepe. Vi posso assicurare che è possibile giocarlo in due come un collaborativo puro e addirittura con gli obbiettivi segreti senza problemi: risulta piuttosto divertente e sicuramente molto più snello e veloce.
Dead of Winter: A Crossroads Game è un gioco da avere!

Dead of Winter: A Crossroads Game

Dead of Winter: A Crossroads Game

Lug 122016
 

Continuo ad avere sempre qualche problemino con i giochi.

Questa volta mi rivolgo all’assistenza Asmodee North America:
una base miniature mancante per
The Adventurers: the pyramid of horus pre-painted miniatures set.
Avendolo preso on-line ho deciso di contattare la Asmodee North America direttamente,
si compila un modulo on-line con la richiesta e si aspetta.
Sono di una rapidità disarmante e di una precisione svizzera,
in 12 giorni mi è arrivata la base mancante,
calcolando che l’hanno spedita dagli Stati Uniti sono davvero molto efficenti!

Voto assistenza Asmodee North America: 9

Giu 202016
 

Montegames and Co.mix 2016 - Volantino

Il mio primo Montegames, la decima edizione per i Carridisarmati.
Davvero splendida la cornice offerta dalla Villa Correr Pisani di Montebelluna (TV).
Un complimento enorme a tutta l’organizzazione e a tutti coloro che hanno reso possibile questa manifestazione! GRAZIE!!!

Belli e coinvolgenti i giochi all’aperto nel suggestivo parco della Villa.
Davvero sorprendenti i costumi dei partecipanti al concorso di Cosplay.
Molto forniti i vari stand dei negozi che hanno partecipato: di tutto, per tutti i gusti.
Ottima la presenza nel salone dei giochi da tavolo.

Purtroppo non mi sono propriamente goduto questa splendida giornata, solo perché l’ho passata a spiegare alcuni giochi da tavolo…
Un compito per me non propriamente facile ma ho cercato di svolgerlo al meglio. :mrgreen:
Una cosa che ho imparato è che i giochi in una manifestazione devono essere:

  • Belli: Un tavolo ben “apparecchiato” è un bel colpo d’occhio e attira i giocatori.
  • Veloci: Ci sono un sacco di giochi e molte cose da fare, le persone vogliono divertirsi ma non perdere il pomeriggio.
  • Facili: Troppe regole implicano troppo tempo e si torna al punto precedente, oltre che per goderlo a pieno servono più partite.
  • I “Veri Giocatori” non sono interessati a queste regole…

Sicuramente un’esperienza positiva e piacevole nonostante la stanchezza.
Infine un grazie a Luisa per le foto.
Buona visione e spero di vedervi al Montegames and Co.mix il prossimo anno!!!

Mag 312016
 

Jaipur

Jaipur!
Tutta colpa di Agzaroth… che andando a fare una recensione ad un gioco che ha più di 6 anni di vita, mi costringe a riprendere in mano i suggerimenti strategici che mi ero appuntato.
Come diceva il famoso allenatore: “sono pienamente d’accordo a metà con lei” in questo caso Agzaroth e con la sua recensione, in particolare non lo ritengo un gioco così fortunoso.
Jaipur permette di essere giocato a vari livelli:

  • A caso: prendi carte e se non sai cosa fare prendi cammelli.
  • Da buon giocatore: in ogni mano cerca di fare il meglio possibile.
  • Da esperti: puoi contare le carte senza avere le doti di Rain Man, in fin dei conti ci sono il numero dei gettoni +1 di carte per ogni merce, per cui butta l’occhio sul numero di gettoni ancora da prendere e sai cosa rimane!

Quello che ci interessa è la terza opzione: vogliamo anche vincere!
Giocando con un avversario sicuramente più forte di me, che mi aveva già battuto in 2 partite e mentre io ero ormai prossimo alla terza sconfitta di fila mi disse che Jaipur è un gioco legato alla fortuna ma solo se non sai cosa fare!
Da questa idea, che sul subito suonava come una presa per i fondelli, ho deciso di approfondire e quindi ho sviluppato una mia strategia di gioco.

Partiamo da un fatto: si giocano 3 round di fatto identici per mitigare un possibile effetto fortunoso dato dalla pesca delle carte.

Ma se pensate ancora che Jaipur sia solo legato alla fortuna vi invito ad iscrivervi a Board Game Arena. Fate qualche partita a Jaipur ed eventualmente sfidate i campioni nel torneo settimanale del martedì. Vi renderete presto conto che vincono sempre gli stessi bravissimi giocatori: li ho affrontati molte volte e ne ho battuto solo un paio in sporadiche occasioni ma normalmente vi asfaltano come niente fosse con un tombale 0-2.

Mettiamo in ordine le idee, per prima cosa terrei in buona considerazione i suggerimenti per vincere del manuale:

  • Facciamo inizialmente una piccola vendita (una tra stoffe e spezie da 5 punti)
  • Una vendita di due merce tra quelle di più alto valore per primi (almeno una tra rubini 14 punti e oro 12 punti)
  • Facciamo almeno una grande vendita (una merce di cui ne vendiamo 5, per avere il gettone bonus da 9 o 10 punti)

Poi però ognuno deve giocare la sua partita: ed è qui che vanno sviluppate le strategie e mostrato il proprio stile di gioco.

Questi che vi presento sono i 3 modi classici di giocare che spesso vengono adottati nelle partite, ce ne sono altri ma vi lascio il gusto di scoprirli:

La minaccia fantasma

Come in tutti i giochi di carte che si rispettino è possibile giocare facendo finta di non avere nulla in mano, per esplodere in una mega raccolta di 5 carte di rubini, oro o argento (che oltre all’effettivo punteggio vi da anche il mega gettone bonus).
Usate questa strategia solo se partite o vi trovate con una buona dotazione di carte di quel determinato tipo e solo se non vi sono state altre prese. Non provateci neppure con una dotazione di una carta.
Naturalmente fare la mossa ad effetto rischia di ritorcervi contro… infatti tenere troppo tempo in mano carte senza che generino raccolta rischia di affossarvi e farvi perdere il round.
Per contro sapete anche che se il vostro avversario non fa buone giocate probabilmente non è perché non ha buone carte in mano!

L’attacco della seta

Cercate di non bistrattare le merci povere: pelli, spezie, seta.
Spesso il vostro avversario lo farà!
Infatti è molto comune scartare anche sequenze buone di carte in favore magari di qualche carta preziosa. Cercate però di non regalare queste vendite, vendere due sete fa incassare poco e non da bonus. Per cui mettete a segno più di qualche vendita da 5, vi fornirà un lauto bonus che potrebbe farvi vincere la partita.

La vendetta dei cammelli

Sempre rischiosissimo prendere tutti i cammelli, se però lo farete nel momento in cui il vostro avversario ha raggiunto il limite di mano di 7 carte, sarà costretto a perdere una mossa per recuperare eventuali merci preziose scambiando qualche carta importante per voi.
Veramente utile avere sempre cammelli da scambiare: in un turno successivo riuscirete a recuperare dal banco molte carte e non una sola. Inoltre in queste modo non scoprite nuove carte rallentando il gioco e togliendo all’avversario la possibilità di avere una nuova carta.
Non dimenticate che a fine partita il giocatore con più cammelli guadagna un bonus di 5 Rupie.

Mi fermo qui e vi lascio giocare, sono molto disponibile per un confronto sulle pagine del forum ed ancora di più sul tavolo di gioco!!!

Jaipur